Non voglio insegnare niente a nessuno

di Barbara Fabbroni

Ironico, divertente, intelligente, creativo: Gianni Mazza continua a sorprenderci e incuriosirci. È in libreria il suo libro “Non mi ricordo una mazza. Trattato di amnesia consapevole” edito dalla Bertoni Editore. È un libro che si legge, si guarda e si ascolta, un testo che fa emozionare e ricordare momenti leggeri e spensierati. In questa opera autobiografica, Gianni Mazza, ricostruisce la sua carriera di oltre sessant’anni, ripercorrendone tutte le tappe: i suoi esordi e le prove col gruppo nel salottino di casa, le prime esperienze come compositore, le tournée in giro per il mondo con Little Tony, gli spettacoli teatrali, la televisione. Il suo è un immenso curriculum che si intreccia nella sua vita di uomo dando vita a una trama raffinata e intensa. La musica, la famiglia, gli affetti, le passioni e i rapporti costruiti negli anni con gli artisti che con lui hanno, via via, collaborato sono le fondamenta dove la trama narrativa del suo dialogare si ricama e arricchisce. Un libro, il suo, da leggere tutto d’un fiato che permette di accedere in un mondo nel mondo di un uomo che ha tracciato la storia dell’avanspettacolo a cavallo tra gli anni ’80 e fine anni ’90 e ancora ha molto da dire, da offrire, da condividere. Si racconta e ci racconta il suo mondo sia intimo sia pubblico con passione e creatività, con leggerezza e profondità.

Come è possibile che non si ricorda una Mazza?

Non è possibile, è possibilissimo! Da sempre sono conosciuto come uno distratto. 

Distratto, perché?

Forse perchè non me ne frega niente, se non lo so, non so. Sono un distratto che sta sempre fra le nuvole. Il fatto che non mi ricordo una mazza è vero, poi mi vengono a mente le cose, ma in ritardo. Bisogna un po’ calarsi negli anni dei ricordi che, ahimè, avendo una certa età è faticoso. 

Il non ricordarsi è un meccanismo di difesa oppure un comportamento evitante?

Secondo me è un meccanismo di difesa. Perché ci sono tante cose che è bene non ricordare. Il non ricordare è comunque un bell’alibi. Aiuta. Ti protegge. Evita alcune sofferenze o delusioni. 

Come fa un’amnesia ad essere consapevole?

Nel libro lo spiego bene. Devo avere qualcosa di psicologico che mi porta a non ricordare. 

C’è qualcosa di specifico che non ricorda?

Non ricordo le parole delle canzoni, le note si, ma non le parole, devo avere sempre lo spartito davanti con le parole, altrimenti mi perdo. Quando devo ricordare una canzone mi perdo completamente, non mi ricordo neanche l’inizio. 

Potrebbe essere una coperta di Linus?

Certo! Si, si.

Come e perché arriva il libro?

Il libro arriva durante la pandemia, in quei giorni tremendi dove eravamo ai domiciliari. Con il Covid non potevamo uscire, c’erano solo comunicati tremendi, la paura che faceva da padrona, i morti, l’angoscia per quello che poteva accadere. La casa era l’unico posto apparentemente sicuro, per uscire alcune persone affittavano anche i cani, era una situazione incredibilmente surreale. Così ho iniziato, per passare il tempo, a rimettere insieme la mia biografia, i miei appunti, a scrivere qualcosa. Una cosa tira l’altra. Alla fine, mi sono trovato tantissimo materiale sebbene non ho mai pensato potesse diventare un libro.

Invece?

Sono andato avanti. Sebbene mi chiedessi a chi potesse interessare. Così ho unito al passato l’attualità ricollegando ogni tappa significativa della mia vita dalla televisione alla musica. Il mio lavoro di musicista è stata la macchina di tutto. È nato il libro! 

Una sorta di biografia?

È una sorta di biografia, esatto. Può essere interessante perché si intravede l’epoca dove si dipana la mia professione. Una cronistoria dell’Italia artistica. Ci sono degli eventi che segnano la mia carriera e al tempo stesso racchiudono un’epoca storica significativa del mondo dello spettacolo in alcuni anni precisi. Non voglio insegnare niente a nessuno, anzi, ci fosse qualcuno che lo volesse fare con me sarebbe piacevole. 

Da un piacevole passatempo durante la pandemia è nato una narrazione della storia televisiva italiana degli anni ’80-’90?

Alla fine, si! Senza volerlo, è nato tutto casualmente intrecciando i ricordi, le foto, la musica, le canzoni, i filmati dell’epoca. Però così è stato, e così è!

La trasmissione a cui è più affezionato?

Le ho amate tutte. La risposta potrebbe essere facile citando una delle varie trasmissioni che ho fatto, però diciamo che sono grato a tutte queste trasmissioni oltre che a tutte le persone che me le hanno fatte fare. 

C’è qualcosa, di tutte queste trasmissioni, che si ricorda ma soprattutto che ancora la emoziona?

Mi rendo conto di essere un personaggio sorridente nell’immaginario delle persone. Sono una persona dedita al sorriso, allo scherzo, alla leggerezza, a qualcosa di piacevole, questo è importante e bellissimo. Mi piace quando le persone che mi riconoscono ed hanno voglia di farmelo vedere, mi sorridono …  questo è bello, ti scalda il cuore. È determinante, vuol dire che hai lasciato e regalato qualcosa al tuo pubblico. Poi penso: qualcosa ho fatto! È bello. 

Essere riconosciuti è importante.

Non solo essere riconosciuti ma essere abbinati a qualcosa di piacevole, di divertente, di non stupido, di non volgare. Questo non solo è importante ma è anche un colpo di fortuna. Beh, sono stato fortunato.

Quanto è cambiata la televisione nel corso di questi anni?

Oh, mamma mia! Siamo anche cambiati noi, non solo la televisione. All’epoca eravamo più scherzosi, più leggeri, avevamo voglia di ridere. Oggi siamo circondati da situazioni poco belle che non ci fanno sperare. È cambiato molto. Questo lo penso io alla mia età, sarebbe interessante comprendere cosa pensa un venticinquenne di oggi. La cosa preoccupante è il pensiero di domani, a me non riguarda molto, ma rifletto sui giovani. Penso a mia figlia, a mia nipote e così a tutti i nipoti, figli del mondo. Non stiamo vivendo in una situazione piacevole.   

E i talent?

Non sono fatti male, ma sono inutili.

Cosa le manca degli anni passati?

La tranquillità. 

Perché?

Quando facevo le trasmissioni eravamo tutti più spontanei, più aperti verso il mondo intero. E poi mi manca il mare, la gioia di andare tranquillo lasciando la terra emersa, andare in giro in barca con tranquillità. Non è che non si possa fare ma non si possono lasciare a terra tutti i pensieri … oggi di pensieri ce ne sono tanti, troppi.

Che tipo di boomer è?

Boomer è una parola che non conosco! È sconosciuta. Mi ha preso in castagna.

Si parla tanto del rapporto tra i boomer e la Gen Z… 

Oh, mamma mia! Mannaggia … che figuraccia (ride). Che tipo di boomer sono? Uno molto attento ai bisogni dei giovani e curioso di come loro decidono di impostare la loro vita, anche per quanto riguarda la musica, qualsiasi espressione del loro modo di essere nel mondo. Le cose belle le fanno anche i giovani di oggi, ci sono tanti artisti tra di loro. Ognuno di loro cerca di farsi vedere, di farsi notare.

Ci sono altri progetti in cantiere?

Ci sono alcuni progetti belli in cantiere, adesso farò due concerti. Ho un’orchestra di cinquanta elementi ed ho delle partiture enormi. La mia è musica pop. Questi saranno eventi imminenti, stiamo già facendo le prove. Faccio parte dell’Orchestra Sinfonica del Molise, che è molto interessante tanto che dovremmo continuare anche il prossimo anno. Inoltre, continuerò a sognare con il mio gruppo. Siamo un gruppo piccolo ma interessante.   

Una curiosità: da grande cosa farà?

Vorrei continuare a dare sfogo ai miei sogni … musicalmente parlando.