Le intense alchimie del Premio Felix

di Barbara Fabbroni

L’itinerario del Premio Felix inizia dalla consapevolezza che tutto si racchiude all’interno di un significato significante da cui si origina il viatico verso la conoscenza dell’arte in tutta la sua declinazione artistica. Felix in latino ha un significato che abbraccia vari significati, diventando lo stimolo alla ricerca dell’essenza delle cose e dell’accadere nel suo algoritmo più intimistico. Uliana Kovalera è il cuore pulsante di questo avvincente progetto che, di anno in anno, si arricchisce e forgia in maniera sempre più globale. È un progetto perfetto dalle sfaccettature luminose come un diamante che racchiude in sé tante possibilità poiché l’arte che cosa sarebbe se non ci fosse un autore che dialoga con uno spettatore? Il Premio Felix, per come è organizzato e strutturato, per la filosofia che lo contraddistingue, sembra racchiudere i significanti più profondi di un progetto fenomenologico del cinema dove i pilastri essenziali sono alla base di questa manifestazione. Il cinema diventa un’attività di conoscenza e crescita, che permette la comprensione della vita e al tempo stesso dà forma alla vita stessa. Il cinema così inteso non è solo sapere, ma anche scelta di vita: è salvezza e redenzione, è possibilità e appartenenza, è essenza ed esistenza. Incontrare Uliana Kovalera è come incontrare il progetto fenomenologico del cinema mondiale. Con lei abbiamo attraversato la nascita e la crescita del Premio Felix all’interno di un dialogare profondo e intenso.

Il Cinema è davvero arte per tutti?

Il cinema non solo è per tutti ma è alla portata di tutti. Così l’arte nel suo insieme entra a far parte della vita delle persone forgiandone l’anima e aiutandole a stimolare non solo la fantasia ma anche la costruzione narrativa delle immagini. Il cinema ha una natura universale. È un ponte verso gli altri e uno specchio nel quale rifletterci e proiettare le proprie esperienze di vita ricucendone le stramature e rendendo le penombre accessibili. Il cinema ha la capacità di oltrepassare le frontiere dimostrando che apparteniamo tutti alla stessa famiglia. 

Da dove arriva il suo amore per il cinema?

Ho sempre amato il cinema. Ho avuto anche qualche esperienza attoriale ma poi ho scelto la mia strada diventando produttore.

Come nasce il Premio Felix?

Sono sempre stata una produttrice cinematografica, il cinema per me rappresenta l’arte a tutto tondo, è la magia che accarezza la vita conducendo in uno spazio dove è possibile incontrare sé stessi, fare consapevolezza dell’accadere, condividere culture, conoscenze, emozioni. Il Premio Felix nasce con l’intenzione di dare spazio e voce al Cinema internazionale, permettendoci di “viaggiare” idealmente attraverso paesi e culture, esperienze di vita ed emozioni, graziead un’Arte che è per tutti. 

Perché Felix?

Felix è una parola latina che ha molti significati tra cui: fortunato, ricco, felice, fecondo, sacro. Se ben ci pensiamo il cinema è tutto questo. È fortunato poiché sia chi fa cinema sia chi guarda un film ha la fortuna di entrare in contatto con un’opera artistica. È ricco perché accresce la sua conoscenza e consapevolezza. È felice perché il cinema rende anche felici. È fecondo poiché costruisce possibilità. È sacro perché ogni pellicola ha la sua sacralità artistica e umana. Tanto più lo stesso Premio è una scultura su due livelli a significare che il cinema ha due diversi piani interpretativi che l’uno si unisce all’altro creando un unico viatico.

Da chi è promosso il Premio Felix?

Il Premio è promosso dall’Associazione culturale Felix, patrocinato dalla Regione Lombardia, con il contributo e il patrocinio della Direzione generale Cinema e audiovisivo – Ministero della Cultura, in collaborazione culturale con l’Associazione Adrenalina culturale e Ibrahim Kodra Swiss Foundation. 

Chi è la Giuria del Premio?

La Giuria 2022 presieduta dal produttore Roberto Bessi è composta da Alessandro Trani editore del Magazine 24 Ore News, Vlada Novikova Nava, critica d’arte e dal regista Luciano Boschetti.

Perché il Premio Felix ha l’attitudine a dare spazio e voce al cinema internazionale, quali sono i lavori in concorso?

Il Festival anche quest’anno si evolve e cresce, proponendo 22 pellicole tra film, docufilm, cortometraggi e documentari provenienti da tantissimi paesi che meritano l’attenzione degli appassionati. In concorso tra gli altri: Semetey, figlio diManas – Kyrgyzstan (L’Epopea di Manas e il poema epico del popolo kirghiso)  sceneggiatore e produttore Omurzak Tolobekov, diretto da Egemberdi Bekboliev e Darkhan Kozhokhan (2022), Chicken – Kazakhstan, cortometraggio diretto da Anastassiya Biryucheva (2022), Giovanni Rossi Made in Italy – Italia, documentario diretto da Corrado Calda e Giusy Cafari Panico, Sold out – Russia, cortometraggio diretto da Danila Kozlovsky (2022), Moloko – Russia, film diretto dal regista armeno Karen Oganesyan (2021), Profumo di melone a Samarcanda – Uzbekistan, diretto da Ali Khamraev (2021), Volare o non volare? – Georgia, commedia diretta da George Kacharava e Bolle – Italia, cortometraggio diretto da Andrea Rampini (2022). 

Il cinema e soprattutto questo Premio sembra essere l’esempio di come sia possibile entrare nel mondo dell’altro anche solo attraverso una narrazione filmica, come è possibile?

Il Festival Felix nasce con l’intenzione di celebrare la cinematografia. Come ho detto attraverso il cinema lo spettatore ha la possibilità di accedere a paesaggi, lingue e storie che non sempre hanno l’attenzione che meritano. Il cinema ci permette di viaggiare idealmente, nella parte del mondo meno raccontata, arricchendoci di sguardi di cui il mondo contemporaneo ha molto bisogno. 

Con il cinema si può viaggiare?

Certo! Il nostro Premio è pensato anche per far in modo che lo spettatore entri in contatto con diverse culture, differenti mondi, toccandone l’essenza tanto da costruire all’interno di sé un itinerario narrativo di conoscenza, sacralità e possibilità.

Dove si svolgerà il Festival?

Il Festival sarà ospitato nei giorni 12,13 e 14 novembre a Monza, presso la Casa del Volontariato e il 15,16 e 17 novembre al Palazzo del Cinema Anteo di Milano.  Giovedì 17 novembre, durante la serata conclusiva del Gala, sarà proiettato il film vincitore della V° edizione alla presenza di ospiti del mondo dello spettacolo e della cultura. Un’occasione per celebrare il Cinema condividendone la passione. 

Cosa si aspetta da questa edizione?

Il pubblico è sempre stato generoso. Mi aspetto di crescere così da arricchire il parterre dei registi da invitare e delle pellicole da proiettare, senza mai dimenticare il buon gusto e il significato che hanno in sé.