Alloggi universitari. Bandecchi: “Esclusione telematiche dal PNRR è concorrenza sleale”

Alloggi universitari e PNRR, bando da 467milioni di euro per cofinanziare interventi per la realizzazione di strutture residenziali universitarie. Escluse, come per PA 110 e lode, le telematiche che da molti anni erogano anche corsi in presenza o blended.

In data 19 gennaio 2022 il MUR, a seguito dell’avvenuta registrazione da parte della Corte dei Conti, ha provveduto a pubblicare i decreti ministeriali n. 1256/2021 e n. 1257/2021, volti rispettivamente:

ad aggiornare la disciplina relativa agli standard minimi dimensionali e qualitativi nonché le linee guida relative ai parametri tecnici ed economici concernenti la realizzazione di alloggi e residenze per studenti universitari;

 a stabilire le procedure e modalità di accesso alle risorse per circa 467 milioni di euro per cofinanziare interventi per la realizzazione di strutture residenziali universitarie.

Nel decreto del MUR risorse nazionali e del PNRR per un cofinanziamento fino al 75% dei costi per gli alloggi universitari. La parola a Stefano Bandecchi.

Un progetto che vedrà utilizzato denaro pubblico e privato per la costruzione, entro il 31 dicembre del 2022, di almeno 7500 posti letto aggiuntivi. Ma, come sempre, nelle cose belle il diavolo ci mette lo zampino, dicono i proverbi popolari. La redazione del quotidiano Tag24 ha raggiunto telefonicamente Stefano Bandecchi, Presidente del CdA dell’Università Niccolò Cusano, che risponde così alla nostra domanda su cosa ne pensa di questo provvedimento.

“Sono felice che il governo italiano abbia pensato all’istruzione universitaria come elemento fondativo della ripresa della nostra Nazione, peccato che con la solita enorme ottusità le università cosiddette telematiche sono state escluse dalla possibilità di realizzare queste strutture universitarie, come se nelle telematiche non si facessero corsi in presenza ad oggi denominati blended. Eppure tutti sanno, con estrema esattezza, che le telematiche più serie hanno da anni attivato molti corsi di tipo blended e, quindi, dispongono di laboratori, di strutture fisiche importanti, si veda ad esempio il nostro ateneo con i suoi 54mila mq di struttura più i 7 ettari di parco, al cui interno già sono presenti circa 230 posti letto. È sconcertante scoprire, per l’ennesima volta, che l’Italia sia una nazione autolesionista e che non riesca ad concepire la vera competitività tra eccellenze.”

Telematica vs Tradizionale

“Il sistema universitario italiano -continua Bandecchi– negli ultimi 2 anni, ha utilizzato solo lezioni di tipo telematico e ha condotto esami online e ha laureato a distanza migliaia e migliaia di studenti, in ogni ateneo.

I grandi baroni delle università hanno capito perfettamente che il sistema telematico o blended oggi è nettamente superiore al cosiddetto sistema in presenza, anche perché il termine presenza viene usato per tutti i corsi di laurea che non hanno obbligo di frequenza. Ciò che ho detto è avallato dal fatto che oggi sono stati richiesti centinaia di corsi di laurea da tutte le università italiane tradizionali e autorizzati dall’Anvur e dal CUN.”

Il paradosso

“Addirittura, alcune università statali, che già posseggono atenei privati telematici, hanno richiesto corsi telematici al fine di poter escludere e chiudere quelle che vengono definitive comunamente telematiche. La concorrenza sleale che il governo italiano sta lentamente autorizzando alle università in presenza contro le telematiche è sconcertante e ingiustificata. Tenendo conto che la classe docente universitaria delle statali e delle private in presenza e delle private telematiche è esattamente la stessa per qualità, capacità scientifica e quantità.”

Non solo, dobbiamo dire che in tutte le valutazioni scientifiche fatte, molte università private sia cosiddette stabili sia a distanza sono risultate superiori come qualità rispetto a quelle gestite dallo Stato.

“I professori universitari vengono creati dal sistema universitario nazionale che ne garantisce la qualità scientifica e quando un’università, di qualsiasi tipo, necessita di un professore, deve fare un bando pubblico al quale possono partecipare solo gli abilitati dallo stato italiano e il sistema universitario li seleziona e li inserisce all’interno dell’ateneo. Su questo principio si fonda la qualità del nostro sistema universitario, a mio avviso superiore a qualsiasi università nel mondo, se non fosse per la faziosità e l’arroganza che spesso si annida negli organi di controllo che ritengo debbano essere a loro volta controllati se non modificati nelle loro funzioni perché oramai basati su vecchi criteri. Fatto sta che la Unicusano non avrà i finanziamenti per poter costruire o acquistare stabili destinati agli alloggi degli studenti e dovrà provvedere per conto proprio e con i propri mezzi; ricordo a tutti che ad oggi il denaro pubblico che transita all’interno della mia università ammonta a non più di 150-200mila euro su un centinaio di milioni di euro di fatturato. E abbiamo prestazioni eccellenti nel mondo della ricerca scientifica, dimostrate dai molti finanziamenti nazionali e internazionali raccolti e vinti per merito della classe docente e delle splendide strutture all’avanguardia.”

Noi ci auguriamo che Bandecchi non abbia detto la verità perché se è vero che le “università stanziali”, senza obbligo di frequenza e addirittura con la possibilità di erogare corsi telematici, avranno la possibilità di accedere a fondi pubblici del PNRR per realizzare i loro dormitori (che a questo punto sembrerebbero quasi inutili) non si comprende perché le telematiche, che erogano anche corsi in presenza (blended), non debbano avere la stessa disponibilità di alloggi universitari. Attualmente, infatti, i 230 posti disponibili per gli studenti della Cusano sono tutti occupati.